Alessandra Guidi

GP di Limatola CNV Selettiva Centro

GP di Limatola CNV Selettiva Centro

Quasi cento i piloti presenti per il secondo appuntamento del CNV Selettiva Centro 

Il secondo round del CNV selettiva Centro ha avuto luogo presso il circuito internazionale del Volturno, quasi cento i piloti a scendere in pista in una giornata dalle temperature decisamente estive. Il sole ha regalato un’atmosfera perfetta per tutto il pubblico che era presente a godersi le battaglie in pista ed ha anche messo alla prova i piloti che decisamente hanno iniziato a “soffrire il caldo”. Come sempre tante le categorie che sono scese in pista, tutte a partire dalla qualifica della domenica mattina tranne la Sportrace che ha svolto le qualifiche nella giornata del sabato e dalla quale partiamo per veder cosa è successo fra i cordoli!

SPORTRACE BIBLION CUP

Sei i piloti a scendere in pista per la Sportrace Biblion Cup per quello che è stato il secondo appuntamento stagionale del campionato, dopo la prima tappa che si è svolta presso il circuito di Pomposa.

Gara1

La battaglia in Q1 e Q2 si è consumata in casa per il Team Birba! Ad aggiudicarsi la pole position è stato Alessandro Mecco nel secondo turno di qualifica con il tempo di 56″.582”’, battendo di appena 0″.001”’ il compagno di squadra Danilo Paoloni che nel primo turno aveva fermato il cronometro in 56″.583”’. La partenza vede un ottimo spunto di Paoloni che sembra voler prendere la prima posizione sin dalle prime curve, ma un’ottima difesa da parte di Mecco gli permette di mantenere la prima posizione. Si creano fin dal secondo giro tre coppie: Mecco e Paoloni in lotta dalla qualifica, dietro di loro Antonio Greco del team R.S. 63 e Massimo Migani del team MC Racing lottano per il terzo gradino del podio, Francesco Guiducci del team MC Racing e Carmine Ruotolo del team GCSRacing invece si giocano la quinta posizione. Proprio in curva uno nel corso del sesto giro Paoloni conquista la prima posizione, un sorpasso che era nell’aria da diversi giri ormai, con Mecco che sembra accusare il colpo e perde leggermente margine dall’inseguitore. Sorpasso nello stesso giro anche per Ruotolo su Guiducci che chiude cosi in quinta posizione. “Sono partito forte, ho cercato di gestire un po’ la situazione per quello che riguardava le gomme avendo solo un treno a disposizione. Poi la gara è andata bene, ha funzionato tutto in modo regolare e ringrazio il team Birba per il sostegno che mi da! Spero di fare altrettanto bene in gara2” afferma il vincitore Paoloni a fine gara.

RISULTATI 

1.Danilo Paoloni 2.Alessandro Mecco 3.Antonio Greco 4. Massimo Migani 5.Carmine Ruotolo 6.Francesco Guiducci
In Gara2

fin dalle prime battute Mecco e Paoloni fuggono dal resto del gruppo, mentre gli altri quattro rimangono vicinissimi. Niente riesce a spegnere la lotta per la vittoria e neanche la bagarre per la terza posizione del podio. Nel corso del quarto giro Paoloni riesce a prendere la leadership della gara, con Mecco che diversamente da Gara1 rimane molto vicino, ma non abbastanza per riprendere la testa del gruppo. Dietro di loro i quattro piloti rimangono serrati, tagliando il traguardo racchiusi in appena un secondo! Davvero una battaglia all’ultima curva, che vede trionfare sul terzo gradino del podio Guiducci che con un sorpasso nel corso del penultimo giro si aggiudica la terza posizione. Bis di vittorie per Paoloni che racconta a fine gara: “Con Alessandro mi trovo bene a lottare, a parte fargli i complimenti per quanto va forte considerata anche l’età, devo ringraziarlo perché per me era una pista nuova e con lui l’ho studiata meglio. La gara è andata bene, andiamo avanti così speriamo di far sempre meglio facendo un in bocca al lupo a me ed al team”. 

RISULTATI 

1.Danilo Paoloni 2.Alessandro Mecco 3. Francesco Guiducci 4.Massimo Migani 5.Antonio Greco 6.Carmine Ruotolo

MINIGP 160&110 JUNIOR

Vediamo ora cosa è successo nella Categoria MINIGP Junior che comprendeva sia la classe 160cc che 110cc.

 

Gara1

A scattare dalla pole position è stato Michele de Novellis del team Niba racing, classe 160JR che nelle qualifiche fa segnare il tempo di 1’.01’’.735’’’. Mentre il primo delle 110JR è Gabriel Di Lorenzo, sempre team Niba racing, che si aggiudica un ottima sesta posizione in griglia. Griglia di partenza priva di uno dei suoi protagonisti con Laurella Diego del team Spider Pit Bike, che a causa di un brutto highside non riesce a prendere parte alla gara, tornando in pista solo per le premiazioni e dopo tutti gli accertamenti del caso che lo vedono fortunatamente solamente dolorante. Durante la partenza il pole man viene inghiottito dal gruppo mentre Antonio Brandello anche lui del team Niba racing, conquista la testa della gara seguito da vicino da Luca Leonardi del team Spider Pit Bike. De novellis nel corso del secondo giro recupera fino alla seconda posizione, avvantaggiato Brandello prova a fuggire e mettere del margine dal resto del gruppo. Nel corso del quarto giro De novellis si riporta in testa al gruppo ai danni di Brandello, mentre Leonardi segue da vicino i due, e riesce a chiudere la gara in prima posizione affermando: “Sono partito un po’ male poi già nel primo giro sono riuscito a passare Gabrielli e dopo anche Leonardi. Nel corso del quarto e quinto giro ho studiato Antonio e sono riuscito a riprendermi la posizione. Ringrazio i miei sponsor, Mamma, Papà e nonno”. Lotta anche per la quarta posizione fra Ubaldini Tommaso del team TU-46 e Napolitano Salvatore del team Niba Racing dove ad avere la meglio sarà Ubaldini per appena 0”.162”’ di vantaggio. Prima 110JR al traguardo è quella di Di Lorenzo che racconta a fine gara: “Mi sono sentito molto bene in gara, ho fatto una bella partenza e sono riuscito a rimanere nel primo gruppetto. Poi loro se ne sono andati ma sono riuscito lo stesso a stare davanti a molte 160JR. Penso di poter dare qualcosa di più in Gara2”.

RISULTATI
1.De Novellis Michele 2.Brandello Antonio 3.Leonardi Luca 4.Ubaldini Tommaso 5.Napolitano Salvatore 6.Di Lorenzo Gabriel 7.Genua Alessio 8.Flammini Loris Garibaldi 9.Durante Alessandro Andrea 10.Del Signore Leonardo 11.Gannuscio Matteo 12.Vegh Lukas 13.Genua Luca 14.Vegh Lucian 15.La Marca Antonio 16.Gabrielli Mattia 17.Laurella Diego

In Gara2

lAnche in Gara2 De novellis perde la leadership nei primi giri con Leonardi che si mette subito al comando ma viene sopravanzato da Mattia Gabrielli del team Fuorigiri, che si mette in testa al gruppo. Ai due si unisce anche Napolitano e si crea così un trenino di tre piloti in lista per la vittoria della gara. Dietro di loro la coppia formata da De novelis e Brandello recuperano il gap con i primi formando così un gruppo di ben cinque piloti in lotta per la testa della gara. Passano in tre appaiati sul rettilineo del quinto giro: De novellis, Leonardi e Gabrielli, tutti prontissimi a sferrare il sorpasso decisivo, in curva uno De novellis si riprende la testa della gara, Leonardi sfila in seconda posizione e Gabrielli terzo. I tre arrivano così al traguardo con dei distacchi davvero minimi fra di loro. Bis di vittoria anche per De novellis che afferma: “In partenza ho avuto ancora più difficoltà, sono partito peggio e sono scivolato sesto. Da lì era più difficile recuperare ma subito sono riuscito a passarne qualcuno. Quando mi sono messo davanti ho iniziato a spingere e ho rallentato solo quando li ho visti un pochino più lontani. Ma questo ha fatto si che si sono riavvicinati e ho dovuto spingere di nuovo fino alla fine. Ringrazio i miei sponsor, Mamma, Papà e nonno”. Di Lorenzo ancora primo delle 110JR ci racconta: “Mi è piaciuta di più Gara1 perchè avevo più spazio per girare meglio. Questa volta mi sono trovato un pilota più lento davanti e non ho potuto girare forte quanto volevo”.

RISULTATI

1.De Novellis Michele 2.Leonardi Luca 3.Gabrielli Mattia 4.Napolitano Salvatore 5.Genua Alessio 6.Durante Alessandro Andrea 7.Di Lorenzo Gabriel 8.Flammini Loris Garibaldi 9.Del Signore Leonardo 10.Genua Luca 11.Gannuscio Matteo 12.Vegh Lukas 13.Vegh Lucian 14.La Marca Antonio 15.Ubaldini Tommaso 16.Brandello Antonio 17.Laurella Diego

MINIMOTARD & PITBIKE OVER E UNDER

MINIMOTARD & PITBIKE OVER

Griglia unita anche per le Minimotard e Pitbike Over. Festoso Miranda del team Fuorigiri conquista la pole position con il tempo di 1′.00”.872”’, mentre tra le Pitbike il più veloce in pista durante i turni di qualifica è stato De Maio Fiorentino del team Squadra Corse 41 che fa segnare il tempo di 1′.03”.475”’. In Gara1 Festoso non parte bene e finisce quarta, mentre Pagano Gennaro del team Team Consorzio Moderno, prende subito la testa della gara ed inizia ad incrementare il margine con gli inseguitori. Nel corso del secondo giro Festoso riesce a risalire fino alla seconda posizione. Dietro di loro Ciancaleoni Fabio e Abate Andrea rimangono vicini in lotta per la terza posizione. Molto compatto dalla sesta posizione il gruppo delle Pitbike Over, con Iacomino Michele del team Iacomino e De Maio che si danno battaglia per la prima posizione assoluta di categoria. Un incidente coinvolge nel corso del terzo giro Fusco Mirco del team Ayrton e D’Avola Antonio del team MotoPositivo che li vede entrambi costretti al ritiro. Festoso si porta in testa al gruppo, con Pagano che con le unghie riesce a mettere le ruote davanti nuovamente. Gruppo super compatto per le Pitbike con De Maio che tiene saldamente il comando. Colpo di scena con la scivolata di Pagano nel corso dell’ultimo giro e perde diverse posizioni lasciando strada libera a Festoso che vince la gara ed afferma: “La partenza non è stata delle migliori, sono riuscita a sorpassare quei due piloti che mi avevano imbucato in partenza e sono andata a recuperare su Gennaro. Con tanta grinta e forza di volontà sono riuscita a recuperarlo e da li si è aperta una divertentissima battaglia per la prima posizione, faccio tanti complimenti al mio compagno Gennaro!”. Per la categoria Pitbike invece la vittoria si decide al fotofinish con Iacomino Michele del team Iacomino che conquista la vittoria assoluta per soli 0”.089”’ ed afferma: “Insieme ai Minimotard è un po’ complicato in partenza loro sono veloci e non sono riuscito a metterli dietro. Quando sono arrivato veramente vicino al primo ho visto la bandiera gialla ho dovuto aspettare la verde per tentare l’attacco, quando finalmente ho provato ad infilarlo mi hanno passato! Poi alla fine un colpo di polso e ci sono riuscito!”. RISULTATI GARA1 1.Festoso Miranda 2.Ciancaleoni Fabio 3.Abate Andrea 4.Pagano Gennaro 5.Iacomino Michele 6.De Maio Fiorentino 7.Pistola Filippo 8.David Pierluigi 9.Del Gatto Dario 10.Campanile Paolo 11.Trape’ Leonardo 12.Addazio Giuseppe 13.Fusco Danilo 14.Ravagnoli Salvatore 15.Fusco Mirco 16.D’Avola Antonio
In Gara2 il leader è fin da subito Pagano che sfortunatamente incappa in un brutto highside nelle prime curve ed è costretto a ricostruire tutto dal fondo. Festoso viene ancora inghiottita nel gruppone nelle fasi di partenza e deve tentare di nuovo la rimonta. Ciancaleoni si mette in testa al gruppo, ma già nel corso del quarto giro Festoso riprende la testa della gara. Si ripropone la lotta fra Iacomino e De Maio, che prende anche dei rischi per poter agguantare la posizione. Rischi che fruttano bene, sarà infatti lui questa volta ad aggiudicarsi la vittoria di categoria Gara2 chiudendo anche quarto assoluto ed affermando: “Da ieri abbiamo iniziato un pò a litigare con le gomme, poi ho cambiato le gomme ed è andata benino ho migliorato ma non abbastanza. Ora fortunatamente mi hanno portato una posteriore ed il risultato si è visto. Ringrazio tutti i ragazzi che mi supportano, mia moglie e i miei figli e tutti coloro che sono qui oggi a festeggiare con me!”. Doppia vittoria per Festoso che commenta cosi la sua seconda vittoria: “Purtroppo Gennaro è caduto al primo giro e non si è vista la battaglia come nella gara precedente. Anche questa volta la partenza non è stata delle migliori, ma da quando sono riuscita a mettere le ruote davanti ho condotto la gara tranquilla visto che avevo un adeguato distacco”. RISULTATI GARA2 1.Festoso Miranda 2.Ciancaleoni Fabio 3.Abate Andrea 4.De Maio Fiorentino 5.Iacomino Michele 6.Campanile Paolo 7.Pistola Filippo 8.Trape’ Leonardo 9.David Pierluigi 10.Del Gatto Dario 11.Addazio Giuseppe 12.Ravagnoli Salvatore 13.Pagano Gennaro 14.Fusco Mirco 15.D’Avola Antonio 16.Fusco Danilo

PITBIKE UNDER

Per la categoria Pitbike Under è Barcaro Lorenzo del team Shark Barcaro ad agguantare la prima casella dello schieramento con il tempo di 1′.02”.690”’. Alla partenza di gara1 Barcaro tenta subito l’allungo, mentre dietro di lui sono tre i piloti in lotta per la seconda posizione con Manuel Maura, Barone Federico e Perugini Patrizio del team Scuderia D’Ettorre. Colpo di scena nel corso del secondo giro con Barcaro che perde improvvisamente quattro posizioni. Leader della gara diventa Maura che cade poco dopo e lascia la testa della gara. Barcaro continua a perdere posizioni, mentre in testa alla gara si impone Perugini con Barone che non molla un centimetro e De Maio Daniele del team Squadra Corse 41 in lotta con loro. La bagarre serrata fra i tre permette a Leo Chiara del team Niba Racing, di riattacarsi a loro. Difficolta nel quinto giro per Barone che perde le due posizioni e viene insidiato anche da Leo, scivolata nel corso del sesto giro per Leo che deve così abbandonare la lotta. Rimangono Perugini e De Maio ormai da soli in bagarre per la vittoria. Sarà Perugini ad avere la meglio con un vantaggio di appena 0”.249”’ ed a fine gara afferma: “Sono soddisfattissimo del risultato, in partenza sono partito male ed avevo perso quattro posizioni. Ho visto Lorenzo che è bravissimo andar via, poi ha avuto qualche problema altrimenti sarebbe stato davvero difficile riprenderlo. Ho avuto una bella battaglia con due piloti, mi dispiace moltissimo per il contatto con Maura che ha provocato la sua caduta. Ho faticato un po’ con la moto nei pezzi dove contava il motore vedevo che perdevo e quindi facevo fatica nel misto per riprenderli. Dedico questa prima vittoria a tutto il team, a mio cugino e meccanico ed alle mogli che ci supportano da casa”. RISULTATI GARA1 1.Perugini Patrizio 2.De Maio Daniele 3.Barone Federico 4.Barcaro Lorenzo 5.Livi Samuel 6.Canalella Matteo 7.Angelelli Luca 8.Cesari Diego 9.Masi Mario 10.Leo Chiara 11.Maura Manuel
In Gara2 Barcaro mantiene la testa della gara e tenta anche la fuga. Perugini dopo i primi giri tenta di ricucire il distacco accumulato su Barcaro provando ad insidiare la prima posizione. Una gara che sembra non regalare grandi colpi di scena ma proprio nel finale la bagarre si infuoca, con Perugini che si incolla a Barcaro e Barone che si avvicina pericolosamente a Maura per la terza posizione del podio. A pochi giri dalla fine Perugini riesce a passare Barcaro mentre un contatto fra Maura e Barone porta entrambi fuori pista, sfortunatamente Maura non riesce a riprendere la gara mentre Barone perde una sola posizione, recuperata in seguito nella classifica in quanto a De Maio viene inflitta una penalità per falsa partenza. Bis quindi per Perugini che afferma: “Come al solito un’altra partenza bruttissima, sono scivolato di nuovo quarto. Lorenzo aveva già preso un po’ di margine ma ci ho creduto fino alla fine perchè non si può mai sapere un errore, una sbavatura. Mi sono messo lì e metro dopo metro sono riuscito a prenderlo negli ultimi due giri. Mi sono divertito, credo siamo andati anche più forti di Gara1. Spero che abbiamo fatto divertire anche chi ci guardava da fuori e ci tengo a ringraziare gli sponsor, Stefano, sempre mio cugino perchè la moto è tutta in famiglia e ancora le mogli perché ci sta sempre bene”. RISULTATI GARA2 1.Perugini Patrizio 2.Barcaro Lorenzo 3.Barone Federico 4.De Maio Daniele 5.Leo Chiara 6.Canalella Matteo 7.Livi Samuel 8.Angelelli Luca 9.Cesari Diego 10.Masi Mario 11.Maura Manuel

MINIGP 160 LEGGERI E SPORT

Altra batteria per la MiniGp 160cc vede accorpate la classe Leggeri e Sport. Pole man per la classe Leggeri Panico Davide del team MRacing che fa segnare il tempo di 1′.02”.527”’, mentre per la classe Spot il più veloce è stato Palomba Gianluca del team Diciasette87 Racing Asd che con il tempo di 1′.03”.566”’ conquista la seconda posizione in griglia. 

Gara1

Parte subito bene Panico, mentre Palomba perde diverse posizioni. Si forma un gruppetto da tre per la seconda posizione composto da Giancola Davide del team Motor Racing Molise, Lamboglia Costantino del team TL Racing e Elia Luigi del team Biker4life. Solo quinto invece Palomba. Caduta nel corso del quarto giro per Giancola che perde cosi la lotta per il podio ed è costretto a ripartire dal fondo. Il gruppo si ricompatta con Lamboglia, Elia e Palomba tutti in lotta per il podio anche se divisi fra le due categorie. I tre arrivano così al traguardo con Elia che nonostante l’infortunio che lo vede correre con un dito del piede rotto, conquista quindi la vittoria per la classe Sport ed afferma: “Ho sofferto molto per il piede, è stata una gara difficile ed ho sudato molto. Ho dovuto sia attaccare che difendere, ho lottato con Gianluca un mio amico che ha cercato di passarmi all’ultimo giro, poi per fortuna sono rimasto attaccato al cordolo e ce l’ho fatta. Ho avuto a che fare anche con Costantino che in alcuni punti mi rallentava, ma a cui faccio i miei complimenti. Sono molto soddisfatto”. Vince con ampio margine Panico che racconta a fine gara: “La moto si è comportata come volevo, io sono abbastanza in forma quindi spero di continuare così per tutto il campionato e sembra che siamo sulla giusta via. Ho puntato sul passo e ho pensato ad usare la testa. Vorrei dedicare la vittoria al mio compagno di squadra ed amico che per dei motivi familiari oggi non è qui”.

RISULTATI 

1.Panico Davide 2.Lamboglia Costantino 3.Elia Luigi 4.Palomba Gianluca 5.Bartolini Alessandro 6.Noviello Andrea 7.Mercaldo Andrea 8.Gentile Giampiero 9.Clementi Riccardo 10.Battisti Andrea 11.Angerame Francesco 12.Giancola Davide 13.Costantini Francesco 14.Silvestri Prospero

Gara2

Il leader Panico mantiene la leadership anche in Gara2 e mette subito del margine con il resto del gruppo. Dietro di lui tutti i piloti rimangono molto compatti ed in lotta per la seconda posizione, con Lamboglia che guida il gruppone. Elia, primo delle 160 Sport, si mette in terza posizione assoluta. Lamboglia e Elia sembrano averne di più per staccare il resto del gruppo, con Palomba che li segue da vicino e più staccati Noviello Andrea del team TL Racing e Giancola. Panico vince di nuovo con oltre 10” di vantaggio ed afferma: “L’obiettivo è sempre quello: vincere e mantenere un passo costante: cercare di fare sempre meglio. La pista è cambiata era più scivolosa ed ho cercato principalmente di mantenere il passo”. Bis di vittoria anche per Elia che racconta a fine gara: “Ho sofferto ancora per il piede, per la bagarre invece è stato ancora divertente soprattutto con il mio amico Gianluca che cerca sempre di infilarmi, ma sono contento e gli faccio i miei complimenti”.

RISULTATI

1.Panico Davide 2.Lamboglia Costantino 3.Elia Luigi 4.Palomba Gianluca 5.Noviello Andrea 6.Giancola Davide 7.Bartolini Alessandro 8.Battisti Andrea 9.Clementi Riccardo 10.Mercaldo Andrea 11.Angerame Francesco 12.Costantini Francesco 13.Silvestri Prospero 14.Gentile Giampiero

MOTO 190 JUNIOR, GP E SPORT

Griglia ricca di categorie per la MiniGP 190 con le classi Sport, GP e Junior. Baldi Samuele del team Niba Racing, conquista la prima posizione in griglia con il tempo di 59”.690”’ primo anche della classe JR. Primo per la classe GP Frappola Antonio del team TL Racing, con il tempo di 59”.868”’ che conquista anche la seconda casella dello schieramento. Caso Luigi del team TL Racing invece è il primo in griglia per la classe Sport con il tempo di 1′.01”.448”’.

Gara 1

Partenza da dimenticare per Lorenzo Del Signore del team DS Racing che rimane fermo in griglia di partenza ed è costretto a sfilare in ultima posizione. Baldi invece fugge subito in prima posizione inseguito da Frappola, terza posizione per Arleo Maurizio del team TL Racing. Tutti e tre accumulano un ampio margine fra loro già da pochi giri dal via. Luigi Caso del team TL Racing guida invece un trio con Gallipoli Giuseppe, suo compagno di team, e Picone Eduardo del team MRacing, in lotta alla prima posizione della classe Sport. Ad avere la meglio è proprio Caso che afferma a fine gara: “La gara è andata bene, ho avuto un problema alla partenza con un pilota che è rimasto fermo e sono rimasto indietro ma ho recuperato alle prime curve. Gallipoli dietro è stato sempre attaccato quindi non è stata semplice però avevo il posteriore che scivolava ed ho cercato di controllare al massimo per Gara2. Ringrazio tutti soprattutto il mio team e la mia ragazza che mi segue”. Vince Baldi per la classe Junior ed afferma: “Siamo partiti bene ed ho cercato subito di prendere della distanza fra me ed il secondo. Sono molto soddisfatto di questa gara e ringrazio tutti i miei sponsor, Luca il mio allenatore, Genny, Antonio e tutta la mia famiglia per essermi venuta a guardare ed il mio team”. Per la classe GP vince Frappola che afferma: “Purtroppo ho avuto qualche problema di carburazione, è una moto nuova che ho preso solo ieri e non avevo mai provato quindi siamo alla ricerca della messa a punto. Abbiamo fatto un cambiamento che non ci ha agevolato ma ci stiamo divertendo e cerchiamo di migliorare per Gara2”.

RISULTATI

1.Baldi Samuele 2.Frappola Antonio 3.Del Signore Lorenzo 4.Arleo Maurizio 5.Caso Luigi 6.Gallipoli Giuseppe 7.Picone Eduardo 8.Galdi Emanuele 9.Leonardi Andrea 10.Lianza Luca 11.Genua Massimo

Gara2

In Gara2 Baldi prova ancora la fuga che riesce senza troppi problemi. Alle sue spalle Frappola e Del Signore che accumulano dietro di loro distacchi importanti. In quarta posizione si ripropone la bagarre fra Caso ed Arleo, bagarre che si accende anche nel corso del sesto giro con Del Signore che si avvicina pericolosamente a Frappola preparando un possibile attacco. Proprio nelle fasi finali di gara lo attacca e passa ma tra i vari controsorppassi un contatto diventa fatale per Del Signore che cade ed è costretto al ritiro. Vince ancora Baldi che afferma: ”E’ stata un’altra bella gara, me ne sono andato fin dalla partenza dal gruppetto in lotta. Nel complesso un bel weekend e vorrei dedicare la vittoria a Stefano Norscia a cui è venuto a mancare il padre, la dedico tutta a lui”. Bis di vittoria anche per Caso che racconta: “Gara1 non mi sono divertito, quindi avevo tutti presupposti per fare ben in Gara2 e dovevo recuperare. Ho fatto bagarre con Arleo e mi sono molto divertito. Non posso che ringraziare di nuovo tutti!”.

RISULTATI

1.Baldi Samuele 2.Frappola Antonio 3.Arleo Maurizio 4.Caso Luigi 5.Gallipoli Giuseppe 6.Leonardi Andrea 7.Picone Eduardo 8.Galdi Emanuele 9.Lianza Luca 10.Genua Massimo 11.Del Signore Lorenzo

SUPERMOTARD

Ultima categoria di giornata la Supermotard nella quale a scattare dalla pole position è Pizzo Ciro del team Pizzo Racing che durante le qualifiche fa segnare il tempo di 54”.545”’.

Gara1

In Gara1Pizzo prende la testa della gara, con Matteo Dolfin del team L.M. Moto Sport che scivola in terza posizione ed Armando Narduzzi del team Napoleoni che si mette in seconda posizione dopo aver condotto le prime curve della gara. La lotta si fa accesa per la quarta posizione fra Parisi Massimo e Romano Gennaro Antonio entrambi del team Evolution Bike. Pizzo prende margine, mentre Dolfin tenta di rimanere vicino a Narduzzi. Riesce nel corso del quarto giro il sorpasso di Dolfin, che gli consegna il secondo gradino del podio. Dolfin riesce a sbarazzarsi di Narduzzi ma non riesce a recuperare su Pizzo. Lotta anche per la sesta posizione fra Perillo Agostino del team Evolution Bike, Pelliccia Vincenzo e Castellano Salvatore. Perillo cade mentre era in lotta lasciando strada libera agli avversari dove ad avere la meglio è Castellano. Vince Pizzo che racconta a fine gara: “E’ stata una bella gara, qui giochiamo in casa ed avevamo quel decimo in più che ci ha permesso di amministrare la gara. Corriamo per prendere dei riferimenti e stiamo sviluppando la moto nuova perciò i dieci giri li abbiamo tirati al massimo per vedere la moto come rispondeva”.

RISULTATI 


1.Pizzo Ciro 2.Dolfin Matteo 3.Narduzzi Armando 4.Romano Gennaro Antonio 5.Parisi Massimo 6.Castellano Salvatore 7.Pelliccia Vincenzo 8.Cipollaro Mario 9.Mezzetti Daniele 10.Alviti Emanuele 11.Bianchi Dario 12.Perillo Agostino

Gara 2 


In Gara2 è ancora Pizzo a prendere la testa della gara, dietro di lui si mette all’inseguimento Romano ed in terza posizione Dolfin e Narduzzi che gli rimangono comunque molto vicini. Vicinissimi i tre per tutta la gara, lasciando il pubblico con il fiato sospeso fino alla bandiera a scacchi che darà la meglio a Romano che chiude secondo per soli 0”.041”’ su Narduzzi che a sua volta porta a casa il sorpasso su Dolfin che chiude quarto con un distacco di 0”.955”’ sul terzo classificato. Un’altra vittoria per Pizzo che afferma: “Si le sensazioni erano le stesse di Gara1, abbiamo provato dei setting diversi e sul passo gara siamo andati anche più forti. Posso solo dire che l’obiettivo è stato centrato e sono contento così”.

RISULTATI 

1.Pizzo Ciro 2.Romano Gennaro 3.Antonio Narduzzi Armando 4.Dolfin Matteo 5.Parisi Massimo 6.Pelliccia Vincenzo 7.Castellano Salvatore 8.Alviti Emanuele 9.Mezzetti Daniele 10.Cipollaro Mario 11.Bianchi Dario 12.Perillo Agostino

Il CNV Selettiva Centro accende le luci per la prima tappa

GP di Casaluce CNV Selettiva Centro

Il CNV Selettiva Centro accende le luci per la prima tappa della stagione 2022

Il CNV Selettiva Centro è tornato in pista pronto ad iniziare una nuova stagione, lo ha fatto nel circuito di Casaluce in provincia di Caserta proprio questo weekend.

I piloti che hanno preso parte alla prima tappa hanno dovuto fare i conti con un tempo decisamente avverso per tutta la giornata di sabato, che li ha costretti a provare la pista in condizioni bagnate. La domenica di gare è stata invece all’insegna del sole e del bel tempo permettendo cosi lo svolgimento delle gare in serenità.

minigp

CLASSI JUNIOR MOTO 110 MOTO 160

La prima a scendere in pista è stata
la griglia accorpata delle Mini Gp con i piloti più giovani del campionato, che vede schierati sia la classe 160Junior che quelli della 110Junior. Il più veloce in
assoluto durante le due sessioni di prove cronometrate è stato
Michele De Novellis del team NIBA Racing che con il tempo di
1’.01’’.641’’’ si aggiudica la prima Pole Position di
giornata. Il più veloce della classe 110JR è stato invece Matteo
Gannuscio del team DS Racing, che conquista cosi l’undicesima
casella dello schieramento.

In Gara1

partenza fulminea per Tommaso Ubaldini del team TU-46 che si porta in prima posizione seguito da Salvatore Napolitano del team NIBA Racing, secondo. Partenza sfortunata per Gannuscio al quale si spegne la moto in partenza e deve ricominciare dal fondo dello schieramento. De Novellis si riprende subito la seconda posizione, i primi tre fuggono fin dalle prime curve dal resto del gruppo. Dietro di loro Antonio Brandello, anche lui del team NIBA Racing , rimane saldamente in quarta posizione con un leggero margine che lo mette in sicurezza da possibili attacchi. Dietro i primi quattro rimangono molto vicini ma non abbastanza da instaurare la lotta. De Novellis nel corso del terzo giro riesce a passare Ubaldini, rimettersi in testa alla gara e mettere del margine fra lui e gli altri due inseguitori: un vantaggio di 1’’.6’’’ in appena un giro. Napolitano nel corso del sesto giro sorprende Ubaldini e si porta alle spalle del leader della gara. Nel gruppo che insegue passata la metà gara si instaurano
diverse lotte fra: Alessandro Andrea Durante, del team Moto scuola Pescara, e Gannuscio per la decima posizione e tra Alessio Genua del TL Racing Team e Diego Laurella dello Spider Pit Bike Team per la quinta posizione. Genua e Laurella arrivano vicini fino alla fine, sarà Genua ad avere la meglio per poco più di un secondo sull’avversario. Vince De Novellis che afferma: “All’inizio è
stata dura, alla partenza non sono riuscito ad andare bene ma già in curva due sono riuscito a riprendere la posizione su Salvatore. Dopo un paio di giro ho passato anche Ubaldini ma è stata 
tosta. Ne avevo ancora un po’ ma negli ultimi giri ho preferito rallentare per non rischiare”.

RISULTATI GARA1

1.Michele De Novellis
2.Salvatore Napolitano
3. Tommaso Ubaldini
4.Antonio Brandello
5.Alessio Genua
6.Diego Laurella
7.Leonardo Del Signore
8.Mattia Gabrielli
9.Loris Garibaldi Flammini
10. Alessandro Andrea Durante
11. Matteo Gannuscio
12.Antonio La Marca
13.Luca Genua
14.Luca Leonardi
In Gara2

è ancora Ubaldini che gira primo in curva 1, De Novellis rimane secondo con Napolitano in terza
posizione. Già nel corso dell’ultima curva del primo giro De Novellis si riprende la leadership della gara. Un gruppo di cinque piloti: Mattia Gabrielli, Brandello, Alessio Genua, Laurella e Leonardo Del Signore rimangono invece in lotta per la quarta posizione, con Gabrielli che guida il trenino. Napolitano si riprende la seconda posizione e prova ad allontanare Ubaldini. Brandello nel frattempo riprende la quarta posizione e si mette alla guida del gruppo allontanando dopo pochi giro gli altri che rimangono in bagarre. Genua tenta di prendere la posizione su Gabrielli ma non riesce e deve continuare a seguire l’avversario. Del Signore segue da un pochino più lontano la lotta che ormai è a tre per la quinta posizione e che rimane aperta fino all’ultimo giro, dove a spuntarla sarà proprio Genua.
De Novellis vince anche Gara2 ed afferma: “Unica pecca la partenza non riesco a concentrarmi abbastanza, questa volta ho avuto però meno difficoltà li ho passati subito e mi sono messo davanti. Solo negli ultimi giri ho cominciato a rallentare perché li ho visti molto distanti”.

Gannuscio invece conquista la vittoria per la classe 110 JR, rispetto a Gara1 in questa manche è riuscito a mettere dietro anche delle 160JR e commenta così: “In Gara1 abbiamo fatto uno sbaglio, si è spenta la moto in partenza e siamo riusciti solo a recuperare le tre posizioni delle 110. Gara2 invece è andata meglio perchè sono partito molto bene e sono riuscito anche ad attaccare i 160”. 

RISULTATI GARA2

1.Michele De Novellis 
2.Salvatore Napolitano
3. Tommaso Ubaldini
4.AntonioBrandello
5.Alessio Genua
6.Diego Laurella
7.Gabrielli Mattia
8.Del Signore Leonardo
9.Flammini Loris Garibaldi
10.Gannuscio Matteo
11.Leonardi Luca
12.Durante Alessandro Andrea
13.La Marca Antonio
14.Genua Luca

pitbike e minimotard

CLASSI PITBIKE UNDER & MINIMOTARD

Griglia unita anche per Minimotard e
Pitbike Over
. Prima casella dello schieramento per Gennaro
Pagano, per la categoria Minimotard, del team Consorzio Moderno che
fa registrare il tempo di 1’.01’’.657’’’. Il più veloce
fra le Pitbike Over invece è stato Filippo Pistola del team Scuderia
D’Ettore ASD che conquista la terza posizione.

In Gara1

il pole man non parte bene, mentre Miranda Festoso del team Fuorigiri prende la leadership della gara, in curva uno si rischia con una staccata leggermente anticipata di Festoso che porta i piloti alle sue spalle quasi al contatto. Festoso resiste, con Fiorentino De Maio del team Squadra Corse 41 che incalza. Doppio sorpasso di Andrea Abate nelle ultime curve sia su Pagano che su De Maio fa respirare la leader della gara. Pagano si riporta in seconda posizione e nel corso della prima curva del quarto giro prova il primo tentativo di prendere la testa della gara, ma Festoso non perde colpi neanche nel corpo a corpo e si mantiene in prima posizione. Il resto del gruppo ben disteso. Decisamente il punto di forza di Festoso è l’allungo che gli regala quei decimi necessari per mantenere Pagano alle sue spalle
per il resto del giro. Mentre nella prima parte di tracciato Pagano sembra averne di più. Nel corso dell’ottavo giro è il primo momento in cui Festoso non si ritrova con il fiato sul collo di Pagano. Dietro di loro De Maio viene sopravanzato da Ciancaleoni Fabio, che taglia il traguardo con un vantaggio di appena 00’’.174’’ sull’avversario. Vince Festoso che afferma: ” Fin dal sabato non è stato un weekend facilissimo, piovendo le prove sono state difficile. Abbiamo mantenuto però subito il passo e la gara è stata molto difficile: ho cercato fin da subito di ottenere il primo posto perché sapevo che il mio avversario era tosto, infatti ogni curva lo sentivo ma ho cercato di chiudere il più possibile fino ad
arrivare alla bandiera a scacchi”. 

RISULTATI
1.Festoso Miranda

2.Pagano Gennaro

3.Abate Andrea

4.Ciancaleoni Fabio

5.Fiorentino De Maio

6. Filippo Pistola

7.Trape’ Leonardo

8.David Pierluigi

9.Campanile Paolo

10.Raggioli Danilo

11.Fusco Mirko

12. D’avola Antonio

13.Ravagnoli Salvatore

In Gara2

la partenza è infuocata Pagano prova subito a mantenere con le unghie il primo posto ma è ancora Festoso che ha la meglio. Abate rimane solo saldamente in terza posizione mentre per la quarta posizione vicinissimi tre piloti: Ciancaleoni, De Maio e Pistola. Nel corso del quarto giro Ciancaleoni sembra staccarsi dai due e si fa molto vicino al terzo gradino del podio occupato da Abate. Nel corso del sesto giro il sorpasso di Pagano, che si vede però sopravanzare nel rettilineo prima delle ultime due curve, punto della pista dove Festoso ne ha decisamente di più. Ancora il sorpasso nel corso dell’ottavo giro sempre nella stessa curva, ma sempre nel rettilineo Festoso si riprende la prima posizione. L’ultimo giro vede Pagano incappare nell’errore pur di inventarsi il sorpasso, lasciando cosi la via libera a Festoso che porta a casa anche la seconda vittoria di giornata ed afferma: “Anche gara2 è stata tosta, Gennaro è stato veramente molto bravo penso ci abbia messo davvero molto impegno ma nonostante ciò sono riuscita a mettergli le ruote davanti. Sono molto felice è stato un week end molto soddisfacente”. De Maio taglia il traguardo ancora in prima posizione per la categoria Pitbike Over conquistando cosi la vittoria di giornata ed affermando: “Ieri non ho provato, sono arrivato stamattina confidando nel tempo. In Gara1 ho avuto dei problemi di carburazione, in Gara2 ho migliorato un pochino. Di norma giro un pochino più veloce sono però molto contento, ringrazio i miei ragazzi che hanno finito tardi ieri sera per portare a termine dei lavori”.

RISULTATI

1.Miranda Festoso

2.Pagano Gennaro

3.Abate Andrea

4.Ciancaleoni Fabio

5. De Maio Fiorentino

6.Pistola Filippo

7.Trape’ Leonardo

8.David Pierluigi

9.Campanile Paolo

10.Raggioli Danilo

11.Fusco Mirko

12.D’avola Antonio

13.Ravagnoli Salvatore

minigp

CLASSI MOTO 160 LEGGERI & SPORT

Leggeri e Sport uniti in una sola griglia, pole man di giornata
Davide Panico, per la classe leggeri, del team MRacing che segna il
tempo di 1’.02’’.052’’’ durante le prove cronometrate.
Fra le 160 Sport invece il più veloce è stato Gianluca Palomba del
team Diciassette87 Racing team ASD che scatta dalla seconda casella
in griglia.

In Gara1

le posizioni rimangono invariate in partenza, con i primi tre: Panico, Palomba ed Elia Luigi che sembrano averne un pochino di più e incrementano il margine con il resto del gruppo.
Panico sembra prendere un leggero vantaggio mentre Palomba ed Elia rimangono molto vicini pronti alla bagarre. Costantino Lamboglia del TL Racing Team rimane tranquillo e saldo in quarta posizione. Per la quinta posizione c’è lotta fra Angerame Francesco ed Andrea Noviello entrambi del TL Racing Team, che devono però stare attenti perché alle loro spalle Andrea Battisti del team Motor Racing Molise ed il compagno di team Davide Giancola sono molto vicini e potrebbero approfittare della lotta. Giancola sopravanza Battisti ma rimangono tutti e quattro pronti alla bagarre. Battisti lentamente si stacca mentre i tre rimangono attaccati fino alla bandiera a scacchi. Vince Panico per la classe 160 Leggeri ed afferma: “Ho cercato di mantenere il passo senza forzare, sono 12 anni che non corro quindi mantenere la costanza per 11 giri non è semplice. Tutto sommato è stato divertente e speriamo di fare il meglio anche in Gara2”. Palomba taglia il traguardo primo fra le 160 Sport e afferma: “Il gap di peso che c’è con i leggeri non mi ha aiutato a stare con il primo. Quindi ho cercato di fare il mio passo senza  orzare, dietro avevo anche un avversario della mia categoria. Ho cercato di gestire forzando dove potevo ma stando attento a non cadere”.

RISULTATI
1.Panico

2.Palomba Gianluca

3.Elia Luigi

4.Lamboglia Costantino

5.Angerame Francesco

6.Giancola Davide

7. Noviello Andrea

8.Battisti Andrea

9.Mercaldo Andrea

10.Clementi Riccardo

11.Gentile Giampiero

12.Costantini Francesco

In Gara2

E’ ancora Panico che mantiene la posizione in partenza, con un gruppo che rimane molto compatto ma
senza ostacolarsi alle sue spalle. Elia tenta nel corso del secondo giro di prendere la seconda posizione ma Palomba difende la sua posizione, i due rimangono molto vicini incrementando insieme il vantaggio sugli inseguitori. Attaccatissimi per tutta la gara non si accende però più la bagarre fino al traguardo, mantenendo cosi le loro posizioni. In lotta invece Angerame e Giancola per la quinta posizione, proprio al traguardo del penultimo giro Giancola riesce a mettere le ruote davanti all’avversario e taglia il traguardo con 00’’.133’’’ di vantaggio. Dichiarazione in coppia per i due vincitori Panico e Palomba che portano a casa una doppietta, e si dichiarano soddisfatti delle loro prestazioni ma soprattutto ribadiscono quanto si siano divertiti e che sperano di continuare in questo mood per l’intera stagione!

RISULTATI 

1.Panico Davide

2.Palomba Gianluca

3.Elia Luigi

4.Lamboglia Costantino

5.Giancola Davide

6.Angerame Francesco

7.Noviello Andrea

8.Mercaldo Andrea

9.Battisti Andrea

10.Clementi Riccardo

11.Gentile Giampiero

12.Costantini Francesco

PITBIKE

CLASSE PITBIKE UNDER

il più veloce in assoluto è stato Patrizio Perugini del team
Scuderia d’Ettore ASD che con il tempo di 1’.03’’.055’’’
si aggiudica la pole position.

In Gara1

Manuel Maura conquista la testa della gara in partenza che viene prontamente ripresa da Perugini, mentre dietro sono tutti molto distanti. Problemi tecnici per Federico Barone che è costretto al ritiro nel corso del terzo giro. Lotta anche per la quarta posizione per Livi Samuel del team DS Racing incalzato da Canalella Matteo. Nel corso del quarto giro Perugini riesce a staccarsi da Maura, mentre Canalella porta a casa il sorpasso su Livi che gli consegna la quarta posizione. Livi prontamente si riprende la quarta posizione ma Canalella si rimette davanti e questa volta crea il margine necessario per mettere al sicuro la sua posizione. Daniele De Maio del team Squadra Corse 41 riesce a ricucire il distacco con Maura e tra i due si instaura la bagarre per la seconda posizione. Sorpasso e controsorpasso a due
giri dalla fine fra i due. Sarà il photofinish a decretare la posizione fra i due, secondo gradino del podio conquistato da Maura per appena 00’’.088’’’. Perugini a fine gara afferma: “Il mio avversario ha fatto una partenza migliore, ho visto subito però che avevo del margine, perciò l’ho passato con calma e mi sono messo a fare il mio ritmo. La pista dopo tutta la giornata di ieri ha ripreso il grip, la moto ha funzionato perfettamente e non posso che essere contento del risultato”.

RISULTATI 

1.Perugini Patrizio

2.Maura Manuel

3.De Maio Daniele

4. Canalella Matteo

5.Livi Samuel

6.Leo Chiara

7.Angelelli Luca

8.Cesari Diego

9.Masi Mario

10. Barone Federico

In Gara2

i primi tre giri sono stati contrassegnati da una doppia lotta in contemporanea. La prima per la testa della gara ancora fra Perugini e Maura che danno spettacolo e non mollano, Maura che come nella gara precedente aveva preso la testa della gara in partenza. Bagarre anche fra Barone e De Maio che
si scambiano più volte le posizioni, poi De Maio nel corso del terzo giro sembra allungare un po’ sull’avversario e giro dopo giro crea il margine necessario per assicurarsi la posizione. Bisognerà
invece aspettare il sesto giro per vedere Perugini trovare lo spunto necessario per allungare su Maura. Doppietta anche per Perugini che a fine gara afferma: “Questa volta mi sono divertito di più, ho
accusato inizialmente un calo di motore che verificherò con il meccanico e quindi ho fatto fatica a scrollarmelo. Mi sono messo a cercare il mio passo soprattutto quando l’ho passato ho cercato di
guadagnare i metri giusti per fare il giro con le mie traiettorie. Dopo di che ho gestito, ma mi sono divertito di più con la scusa dei sorpassi”.

RISULTATI

1.Perugini Patrizio

2.Maura Manuel

3.De Maio Daniele

4.Barone Federico

5.Canalella Matteo

6.Leo Chiara
7.Livi Samuel

8.Angelelli Luca

9.Masi Mario

10.Cesari Diego

MINIGP

CLASSI MOTO 190 JUNIOR GP SPORT

Griglia unita anche per le tre classi
della Moto190 che vede schierarsi in pista i piloti delle
classi GP, Junior e Sport. Samuele Baldi del team NIBA Racing, classe
190 JR, scende per primo sotto il muro del minuto e conquista la
prima casella dello schieramento in 59’’.127’’’.

In Gara 1

Partenza fulminea di Baldi che mette subito nelle prime curve un distacco importante con il resto del gruppo. Dietro di lui la seconda posizione è teatro di lotta fra Lorenzo Del Signore, del team DS Racing classe 190JR, e Maurizio Arleo del TL Racing Team classe 190GP. Del Signore si sbarazza di Arleo, così da congelare la lotta per il podio. La quarta posizione è contesa fra ben quattro piloti: Vittorio Leo del team Fuorigiri, Luigi Caso del TL Racing Team, Giuseppe Gallipoli del TL Racing Team e Norscia Stefano del team MRacing. Leo e Caso nel corso del settimo giro si distaccano dagli altri due, salvo poi un problema tecnico per Leo che lo vede retrocedere improvvisamente e che lo costringe al ritiro. Caduta invece per Gallipoli che riesce a riprendersi ma perde la posizione su Norscia. Vince indisturbato Baldi che afferma a fine gara: ”Nei primi giri ho tirato un sacco per incrementare il distacco, dopodiché passata la metà gara ho iniziato a gestire e fare il passo per non rischiare. Volevo ringraziare i miei sponsor, la mia famiglia e Luca il mio allenatore che mi ha veramente fatto fare un gran lavoro”.

RISULTATI

1.Baldi Samuele

2.Del Signore Lorenzo

3.Arleo Maurizio

4.Caso Luigi

5.Norscia Stefano

6.Gallipoli Giuseppe

7.Leonardi Andrea

8.Picone Eduardo

9.Lianza Luca

10.Genua Massimo

In Gara2

Baldi mantiene la prima posizione e Del Signore si mette subito all’inseguimento, anche Arleo in terza posizione rimane molto vicino confermando cosi il terzetto della gara precedente pronto alla bagarre. Nel frattempo Leo guida un gruppo di quattro piloti con Caso, Gallipoli e Norscia. Nel corso del quinto giro si accende la lotta fra Leo e Caso, proprio come in Gara1, che tenta il sorpasso ma Leo non si fa trovare impreparato e mantiene saldamente la posizione. Caso e Leo rimangono vicinissimi fino a fine gara, così come Gallipoli e Norscia, entrambe le coppie non invertono le loro posizioni fino alla bandiera a scacchi rimanendo così invariati i loro risultati al traguardo. Baldi vince ancora conquistando così la classe Junior ed affermando:
“Siamo partiti molto bene, ma dall’inizio del weekend in generale. Gara2 è andata molto bene ho cercato di dare il meglio fin dal primo giro, mi sono messo di passo a fare giri molto veloci e ho pensato solo a prendere più gap possibile”.

Per la classe GP porta a casa la vittoria di giornata Arleo che afferma: “Stare con i ragazzi più
piccoli è difficilissimo peseranno 20/30 chili in meno quindi stargli dietro è complicatissima, però ci proviamo sempre lo stesso”.

Caso invece conquista la classe Sport e racconta: ”Ieri ho fatto un’esperienza drammatica sull’acqua, sono caduto e pensavo di non correre. Oggi invece ho vinto! Ringrazio soprattutto mio padre, la mia fidanzata e tutto il team, è stata una bellissima giornata fortunatamente con il sole.. sull’acqua non penso sarebbe andata così!”

RISULTATI

1.Baldi Samuele

2.Del Signore Lorenzo

3.Arleo Maurizio

4.Leo Vittorio

5.Caso Luigi

6.Gallipoli Giuseppe

7.Norscia Stefano

8.Leonardi Andrea

9.Picone Eduardo

10.Lianza Luca

11.Genua Massimo

SUPERMOTARD

CLASSE SUPERMOTARD

Ultima categoria di giornata la
Supermotard nella quale Romano Gennaro Antonio del team
EvolutionBike si aggiudica la pole position con il tempo di
56’’.993’’’.

In Gara1

E’ Armando Narduzzi, del team Napoleoni, che tenta l’affondo in partenza ma Romano chiude violentemente la porta all’avversario e mantiene la leadership della gara, terza posizione saldamente occupata da Matteo Dolfin del team LM Motorsport. Calistri Francesco del team LM Racing, Scardella Tomas del team Motoclub Ali nel Vento e Massimo Parisi del team EvolutionBike, lottano per la quarta posizione mentre le prime tre rimangono congelate. Parisi riesce a sopravanzare e mettere del
margine su Calistri assicurandosi cosi la quarta posizione. Mentre sia davanti che dietro di lui le posizioni non mutano fino alla bandiera a scacchi. Vince indisturbato Romano che afferma: “Il
problema alla partenza è stato dettato dal fatto che la moto è nuova e non sapevo come rispondeva però la pista di casa, ci siamo allenati qui tutti i fine settimana, e abbiamo fatto il meglio e ne è valsa la pena: la differenza l’abbiamo fatta”.

 

RISULTATI 


1.Romano Gennaro Antonio

2.Narduzzi Armando

3.Dolfin Matteo

4.Parisi
Massimo

5.Calistri Francesco

6.Scardella Tomas

7.Giani Alberto

8.Alviti Emanuele

9.Mezzetti Daniele

10.Bianchi Dario

In gara 2 

I piloti sfilano senza
ostacolarsi alla partenza, con Parisi che ottiene la terza posizione ai danni di Dolfin e tenta già nelle prime battute il sorpasso anche su Narduzzi per agguantare il secondo gradino del podio, sorpasso che però non riuscirà. Romano intanto fugge nettamente dal resto del gruppo. Nel corso del settimo giro Dolfin si fa molto vicino a Parisi pronto a sfoderare l’attacco, ma non si avvicina abbastanza per tentare l’attacco chiudendo a soli 00”.322”’. Ancora Romano a conquistare il primo gradino del podio: “ La gara è andata bene, più o meno sulla stessa linea della prima. Questa volta con la pista un po’ più asciutta sono riuscito a fare anche un giro veloce migliore. Mi sono divertito tanto ma è stato importante anche in vista del campionato, essendo la prima gara in casa bottino pieno è ottimo in vista delle altre tappe”.

 

RISULTATI 

 

1.Romano Gennaro Antonio

2.Narduzzi Armando

3.Parisi Massimo

4.Dolfin Matteo

5.Calistri Francesco

6.Scardella Tomas

7.Giani Alberto

8.Alviti Emanuele

9.Mezzetti Daniele

10.Bianchi Dario

La Sportrace Biblion Cup ed i premi per la stagione 2022

La Sportrace Biblion Cup ed i premi per la stagione 2022

La SportRace Biblion Cup è pronta ad alzare il sipario sulla nuova stagione 2022, ormai alle porte. Cinque gli appuntamenti in programma, ognuno dei quali prevederà una premiazione degna di nota. La SportRace 300 è ormai alla sua 4^ edizione, una categorie aperta ai piloti con più di 14 anni e con mezzi derivati di serie con cilindrata da 300 a 500 (Es. Yamaha R3 – Honda CBR 500 – KTM RC390 – Kawasaki Ninja 400). Percorriamo le date ed i premi in palio messi disposizione grazie al supporto di Biblion, sponsor del campionato già dalla passata edizione.

Primo appuntamento di stagione il 23/24 Aprile presso il circuito di Pomposa (FE), in occasione di questa prima tappa il vincitore porterà a casa una TECH AIR 10 è un Airbag System sottile e che offre una protezione del corpo ai piloti. PARASCHIENA NUKLEON KR 3 per il secondo classificato. Terzo premio in palio SCARPA PADDOCK META TRAIL SHOES. Saranno premiati anche il quarto e il quinto classificato con rispettivamente FLAG SNAPBACK HAT e T SHIRT Alpinestar.

Seconda tappa il 18/19 Giugno a Latina dove il primo classificato verrà premiato con TUTA GP FORCE, GUANTO GP PLUS per il secondo classificato e RAIN JACKET per il terzo gradino del podio. PARAPETTO KR CELL CIR per il quarto posto e NECK TUBE- COLLARE IN COTONE al quinto classificato.

Il terzo appuntamento è previsto ad Ortona il 30/31 Luglio. Il vincitore otterrà uno STIVALE SUPERTECH R, per il secondo posto in palio GUANTO GP PRO e per il terzo classificato un BORSONE Alpinestar. Saponette GP SPORTS – SLIDERS in palio per il quarto posto e TSHIRT AGESLESS CLASSIC al quinto arrivato.

Quarta tappa il 17/18 Settembre a Limatola (BN) in questa occasione il vincitore porterà a casa un AIRBAG TECH AIR 5, PARASCHIENA NUKLEON KR 3 per il secondo classificato e SOTTOTUTA RIDE TECH LITE SUITE per il terzo gradino del podio. Per il quarto posto una MAGLIA POLO – PADDOCK POLO e delle CALZE RACING ROAD SOKS al quinto classificato.

Per l’ultimo appuntamento della stagione si torna a Pomposa (FE) in data 8/9 Ottobre. Il vincitore di giornata verrà premiato con uno STIVALE SMX PLUS V2, GUANTO GP TECH al secondo arrivato e per il terzo classificato KOMODO TRAVEL BAG – TROLLEY. Per il quarto posto una SEDIA da box targata Alpinestar ed un CAPPELLO HERITAGE per il quinto posto.

Un bottino non indifferente per chi si cimenterà nel campionato, non resta che partecipare e dare il meglio in pista!